2011/02/15

Nella vecchia fattoria di contenuti per Google

Come dare infatti torto a Marshall quando sostiene che i risultati delle ricerche su Google non sono più quello che stiamo cercando ma quello che è stato meglio scritto per essere indicizzato dall’algoritmo di Google?
Quella di Marshall è una banalità. Da che mondo e mondo esistono scorciatoie per sfruttare gli automatismi, fra i quali rientra pure l'algoritmo di Google che, per quanto elaborato, è sempre un automatismo.

Non è Google ad essere peggiorato; sono i content farmers ad essere diventati più scaltri.

Ma non si diceva "su Google content is the king"???
Posta un commento