2011/12/14

Gmail e le etichette (parzialmente) intelligenti



Chiunque faccia uso dell'email conosce la frustrazione di ricevere decine di messaggi al giorno, la maggior parte dei quali sono rilevanti quanto una chiamata dei testimoni di Jehovah.

Per fortuna Gmail ci mette una pezza con le sua Smart Labels, etichette intelligenti che con un algoritmo specifico, sono in grado di catalogare automaticamente i messaggi come notifiche, monnezza, promozioni e così via.

Fanno in automatico lo stesso lavoro che fanno molti filtri. E per chi riceve molti messaggi è una manna dal cielo. Effettivamente le etichette intelligenti di Google funzionano: la maggior parte dei messaggi che ricevo vengono correttamente filtrati e mi risparmiano un sacco di lavoro e rotture.

Purtroppo dico "la maggior parte" perché in alcuni casi si sbagliano di brutto. Il problema più grave però è che, nonostante l'opzione disponibile per segnalare un'errata categorizzazione, il sistema non impara affatto e persevera nei suoi sbagli.

Così mi ritrovo a segnalare ripetutamente gli stessi errori senza che Gmail dia il minimo segno di apprendimento. Un vero peccato per una funzionalità veramente utili per quale Google farebbe bene ad investire più risorse.