2012/07/24

Canon EOS M: Last but not Least

canon EOS M con 70-200mm
Chiamala "compatta"...


La notizia più interessante di oggi è sicuramente la presentazione ufficiale della Canon EOS M, la mirrorless di Canon. Non mi soffermo sulle caratteristiche della fotocamera, che ormai sono ben note a tutti e facilmente reperibili online, ma voglio limitarmi a due considerazioni.

La prima è la strategia di Canon: l'azienda è leader di mercato e ha saggiamente deciso di giocare per ultima, attendendo le mosse dei rivali e cercando di vagliare la reattività del mercato delle fotocamere mirrorless, per poi agire. Un strategia wait-and-see, ovviamente sostenibile per un leader commerciale, che ha permesso forse all'azienda di presentare un prodotto che sulla carta può sbaragliare la concorrenza (e sembra che la stia già sbaragliando). Di sicuro dal punto di vista delle ottiche, includendo anche l'adattatore EF-M, non c'è n'è per nessuno.

La seconda considerazione però deriva direttamente dall'immagine qui sopra. Le fotocamere mirrorless hanno il vantaggio di avere corpi di dimensioni più contenute abbinate ad un sistema di lenti intercambiabili. Però - estremizzando - che diavolo me ne faccio di un corpo da compatta se poi devo montarci sopra una lente grande come il mio braccio? Da questo punto di vista trovo che le mirrorless-tutte rappresentino ancora un compromesso. La vera rivoluzione verrà dalla riduzione delle ottiche e dalla miniaturizzazione delle lenti e dei sensori, non dai corpi macchina più stretti.

Personalmente la novità fotografica più interessante del 2012 resta il Nokia 808 PureView. Chiamatemi blasfemo ma mi sono rotto delle fotocamere e delle ottiche tipo "bottiglia di champagne magnum".



Posta un commento