2013/08/28

L'orrore in sala: gli spettatori dei cinema che non vorresti mai incontrare

Dove: Via Giuseppe Mazzini, 20, 13900 Biella BI, Italia
coda per il biglietto al cinema mazzini di biella
La marmaglia cinematografica che attende di entrare nelle sale

Sono sempre più convinto che quella cinematografica debba essere - in alcuni casi - un'esperienza da fruire individualmente o in gruppi ridotti, e non collettivamente in mezzo alla marmaglia.

Sono andato di recente al cinema a vedere il film The Conjuring - L'Evocazione (per la cui recensione rimando al post su Rosebud di +Lorenzo Foglia). Trattandosi di un film horror la tensione è tutto: apprensione, silenzi, attese, effetti sonori bisbigli e così via. La componente sonora e atmosferica è importantissima.

Peccato che la sala fosse stracolma di alcuni dei peggiori personaggi che tu possa incontrare al cinema, che hanno contribuito a rovinare la visione del film di James Wan a suo di pagliacciate. Avrei capito durante le proiezione dell'ultimo capolavoro di De Sica o Boldi... ma durante un horror di questo genere il mio odio per il genere umano si è palesato dopo pochi minuti.

Colgo quindi l'occasione per compilare un elenco non esaustivo delle peggiori tipologie di frequentatori delle sale cinematografiche. Da tenere bene a distanza.

I Ruminanti

C'è gente che non va al cinema per vedersi un film. Va per mangiare. Non per mangiare una cosa qualsiasi, bensì per mangiare i pop-corn. Per loro il cinema non ha senso senza i pop-corn; anzi, sono i pop-corn che non hanno senso senza il cinema. Anche e soprattutto quelli che i pop-corn non li mangiano mai, non ci pensano nemmeno, nemmeno gratis o sotto tortura. Ma quando vedono la locandina di un film e di fianco il distributore di pop-corn, allora fanno 1+1=3, si risvegliano dal letargo e devono per forza acquistarne come se non ci fosse un domani.

Li vedi che si affannano per recuperare il loro secchiello stracolmo di mais scoppiato, per poi portarlo in sale a masticarlo - rigorosamente con la bocca aperta e facendo più rumore possibile - durante tutta la durata del film, come i tarli masticano il legno. Speri segretamente (ma neanche tanto) che uno di quei fiocchi scansi l'epiglottide e si conficchi nella laringe, ponendo fine alla masticazione forzata.

Gli Interlocutori

Sono una delle categorie più fastidiose: sono per forza almeno in due, si siedono dietro, o di fianco, o anche davanti a te ed iniziano a commentare qualunque scena del film, anche i trailer, anche la pubblicità, come se si trovassero ad un cineforum, o come se ci fossero solo loro in sala. Alcuni non capiscono un cazzo e fanno continuamente domande sullo svolgersi della trama del film: avrebbero bisogno dei sottotitoli che spieghino cosa sta succedendo, tipo il libretto a teatro. Altri si limitano a commentare quello che succede, come se dovessero raccontarsi il film a vicenda oppure come se uno di loro fosse cieco. Altri infine si limitano a parlare dei cazzi loro, come se fossero seduti sul divano del loro psicologo.

Gli Incontinenti

Sono quelli che vedono solo metà film, perchè durante l'altra metà sono al cesso a pisciare. Vanno a pisciare prima che inizi il film, nell'intervallo (tornando a sedersi regolarmente quando il secondo tempo è già ricominciato), dopo la fine del film e in ogni momento meno opportuno durante la proiezione del film. Meglio sederti il più lontano possibile, per evitare di vederteli passare davanti a vescica gonfia.

Gli Impallatori

Se c'è in sala uno alto come minimo due metri e dieci, di sicuro si siederà davanti a te, e magari terrà in testa anche quel simpatico cappello a cilindro che portava quando era entrato. In questo caso aiutano molto i cinema a gradoni, ma non tutte le sale purtroppo ne sono dotati.

I Rilassati

Attendono che le luci si spengano, che tutti si siedano e che il buio regni nella sala, per allungare i loro fetidi piedi puzzosi verso i sedili davanti, a volte riuscendo a togliersi anche le scarpe e completare la visione con simpatici effetti olfattivi, oppure pulendosi i piedi sul sedile davanti. La prossima volta che ti siederai su una poltrona al cinema, è molto probabile che qualcuno ci si sia pulite le scarpe.

I Cabarettisti

Sono secondo me la categoria peggiore, quelli che vogliono fare i simpatici, enunciando le loro (presunte) divertenti battute ad alta voce in modo da rendere partecipe la sala del loro talento comico, a volte pure interagendo con il film in proiezione e lasciandosi andare in schiamazzi, risate moleste e sorrisi trattenuti. Sono opportuni quanto un peto in ascensore, intervengono nei momenti di silenziosa tensione, quando il silenzio è tutto e basta una cazzata per farlo diventare niente.

Pensano di trovarsi a teatro, per giunta sul palco, e non al cinema e dopo aver sparato una cazzata, di solito si guardano intorno con espressione carica di sagacia, cercando l'approvazione dei presenti, mentre andrebbero semplicemente presi per la collottola ed espulsi a pedate in faccia. Se in gruppi numerosi possono diventare incontrollabili quanto un branco di cani randagi rabbiosi.

I Centometristi

Li riconosci perchè dopo circa un microsecondo dall'apparizione dei titoli di coda, stanno già aprendo la portiera delle loro macchina per tornare a casa. Sembra che facciano a gara a chi esce per primo, o che qualcuno gli abbia detto che l'ultimo a uscire dalla sala pagherà per tutti. A volte restano bloccati nella coda che si forma con l'accumulo di troppi Centometristi, e, colti di sorpresa all'apparire di una scena finale a metà dei titoli di coda, si fermano imbambolati, indecisi se tornare a sedersi, restare in piedi o andarsene.

Ce ne potrebbero essere molti altri, ma per ora mi limito ai primi danni. Non posso che concludere con uno storico video di Pierino, che illustra efficacemente "l'orrore in sala" che si prova in alcune situazioni.


Posta un commento