2013/08/22

Scattare con lenti Leica su fotocamere Micro Quattro Terzi

Dove: Marina di Andora SV, Italia
Dopo aver detto addio alla mia vecchia Leica M6, nell'attesa del grande salto verso il telemetro digitale, ecco, avevo queste tre lenti Leica, rimaste orfane di un corpo: Summicron f2.0 50mm, Summicron f2.0 35mm (il mitico "King of Bokeh") e Elmarit f2.8 90mm. Non potevo lasciarle nella borsa a prendere polvere e sono finalmente riuscito a mettere la mani su un comodo adattatore Leica M - Micro Quattro Terzi, disponibile su eBay a modico prezzo.

Un adattatore di buona qualità nonostante il costo ridotto, perfettamente funzionante ed in grado di fare il suo dovere. Inizio quindi subito con qualche scatto di prova, per testare le magiche lenti Leica su una digitale, la mia Panasonic GF1.

Non nascondo di essere rimasto inizialmente un po’ deluso dai risultati: si tratta di obiettivi dei primi anni ‘90, pre asferici e dai toni morbidi e soffusi, ben lontani dall’essere taglienti e dettagliati quanto le lenti moderne di oggi. Una differenza che ho notato immediatamente facendo qualche paragone con le stesse immagini scattate con obiettivo Micro Quattro Terzi, risultate molto più contrastate e dettagliate ad un confronto diretto.



Le lenti Leica, però, oltre ad avere una messa a fuoco manuale più semplice, mostrano un carattere distintivo, regalando allo scatto un’atmosfera forse un po’ più antica, nostalgica, soffice e morbida, dotata di un fascino particolare e che può essere apprezzato in maniera singolare.



Si tratta sempre di lenti che hanno probabilmente almeno 20 anni alle spalle e che in un certo senso mostrano la loro età; non si tratta certo di un difetto: dotate di un bokeh invidiabile, rotondo e morbido, forse non godono della massima definizione, ma non mancano certamente di fascino e personalità.


Posta un commento