2014/11/22

Vorrei anche io l'Ocarina del Tempo



Ci sono momenti che restano scolpiti nel nostro animo; momenti che significano periodi, epoche, età che vengono rievocate magicamente dalle sensazioni, da suoni, da rumori, da immagini e da brani musicali, capaci di riportarci indietro nel tempo, facendoci vibrare di nostalgia.

Momenti che vorremmo rivivere nella loro interezza, o che almeno vorremmo fissare nel tempo, bloccarli, non lasciarli sfuggire per nessuna ragione al mondo; momenti che vorremmo durassero per sempre invece che per pochi istanti, che non si consumassero mai con il passare del tempo. Così non è e sappiamo che sono finiti, e non dureranno, si concluderanno, prima o poi.

Nel novembre 1998 esce The Legend Of Zelda: Ocarina of Time. E' solo un videogioco ma mi ha accompagnato per settimane, mesi e per molti giorni è stata la "colonna sonora" della mio vita, tanto che ancora oggi le musiche, le note e le immagini che riecheggiano quel gioco mi fanno tornare indietro, mi fanno balzare a sedici anni fa.

Raggiungo quei momenti sopiti, dimenticati, e vorrei restarvi aggrappato. Bloccarli, ghermirli, restarvi impigliato e non farli andare via, non farmeli sfuggire. Come il giovane Link, vorrei estrarre dalla tasca la magica Ocarina del Tempo, suonare una melodia, tornare bambino e potermi muovere a mio piacimento fra i ricordi, le memorie, e ritornare là, dove non sarà mai più, rivivere quei momenti che non rivivrò più.

E così mi abbandono alla musica del Kakariko Village, alle note della Saria's Song, calandomi nella Gerudo Valley e mi soffermo sul tema della Great Fountain Fairy, ricordando le note della Song of Time o della Song of Storm. Per un attimo mi pare di essere ritornato indietro, di rivivere il tempo che fu. Solo per un attimo ecco l'eternità.

Buon Compleanno Ocarina Of Time.

Grazie.


Posta un commento